manifestazione manifestazione 2
| di
| Categoria: Comunicati

Lombardo: "Non ho aggredito nesssuno, sono a Roma. Mi riservo di adire le vie legali"

Il segretario generale smentisce la presunta aggressione subita da un sindacalista della Fesica. Sull'argomento interviene anche Fabrizio Truono

Pescara, 22 aprile 2022 – In merito alle notizie di stampa relative ad una presunta aggressione verbale da parte del segretario generale della Uil Abruzzo, Michele Lombardo, ai danni di Marcello Vivarelli del sindacato Fesica, si specifica che in data 22 aprile il segretario Lombardo è a Roma per impegni sindacali e che quindi non era alla Asl di L’Aquila, dove sarebbe accaduto il presunto fatto, e che peraltro non conosce la presunta vittima. Lombardo, altresì, si riserva di adire le vie legali per vedere ripristinata l’onorabilità della sua figura.

 

Di seguito, la nota a firma di Fabrizio Truono

 

Rimango perplesso dalle dichiarazioni espresse dal Sig. Marcello Vivarelli e rilasciate a mezzo stampa in cui dichiara di aver subito una “vergognosa aggressione verbale” da parte del sottoscritto negli uffici della Direzione Generale della Asl dell’ aquila, ma su questo fatto, devo semplicemente far presente che tutto ciò non è assolutamente vero, come potranno confermare i numerosi colleghi presenti in attesa di entrare dentro la sede ASL, che hanno assistito ai fatti.

Il dipendente Sig. Vivarelli Marcello nel cercare di svolgere al meglio i propri compiti di portineria ha iniziato a discutere vivacemente con ii rappresentanti sindacali di tutte le sigle che cercavano di spiegargli che i nominativi che dovevano partecipare alla riunione erano diversi da quelli che lui aveva e invece di chiedere ai suoi superiori, ha continuato a discutere con tutti i presenti e al sottoscritto ha detto che non era questo il modo di difendere i lavoratori precari.

Personalmente gli ho chiesto con un tono seccato, vista la situazione creatasi di ascoltarmi, ma ciò è stato inutile e sicuramente mal interpretato, ma ribadisco che non c’è stata nessuna vergognosa aggressione verbale, ne tantomeno sono state pronunciate frasi offensive nei suoi confronti.

Sinceramente non credevo di poter essere accusato a mezzo stampa di essere sgarbato con chi lavora e chi mi conosce, sa benissimo che non è mia prerogativa né tantomeno della Uil che rappresento di trattare male le persone, figuriamoci a “telecamere spente”.

Personalmente posso anche dire che non ho mai avuto la presunzione di salire, come afferma il Sig. Vivarelli sul piedistallo, ma essendo stato scelto da un congresso della Uil a rappresentare questa organizzazione e soprattutto i lavoratori e i cittadini, ho sempre cercato di collaborare e dialogare in questi anni con tutti i sindacati, e mi dispiace che il Sig. Vivarelli che a suo dire rappresenta un piccolo sindacato, non faccia altrettanto e lo devo invitare a documentarsi prima di lanciare accuse, visto che ha fatto pubblicare un articolo a mezzo stampa in cui ha addirittura accusato il Segretario Generale Regionale della UIL Michele Lombardo di averlo aggredito verbalmente e che lo stesso non era presente a L’Aquila.

Sicuramente il Sig. Vivarelli nello svolgere al meglio le proprie mansioni, non è riuscito a comprendere la situazione che si era creata e si è confuso con i nomi, ma ciò non giustifica i fatti, perché non si possono diffamare a mezzo stampa le persone che non sono presenti e che sono estranee ai fatti e danneggiare la loro immagine pubblica; bastava seguire il regolamento aziendale, non discuteva con nessuno e chiedeva il da farsi ai propri superiori che erano presenti nella sede Asl, in questo modo si evitavano malintesi e continuava a lavorare serenamente, ma soprattutto evitava di procedere a fare segnalazioni in qualità di Segretario Provinciale della FESICA di presunti fatti interni successi dentro la Asl ai giornali, non ricordando di essere in servizio per la Asl in quel momento.

 

IL SEGRETARIO GENERALE

CST UIL ADRIATICA GRAN SASSO

FABRIZIO TRUONO

 

UIL Abruzzo

Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK